Explore Selfie, Smartphone and more!

Explore related topics

Smartphone egotico... selfie

Smartphone egotico... selfie

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o  “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o  “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o  “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o  “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o  “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o  “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o  “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Si sente spesso dire che una foto è artefatta o “fatta con Photoshop”. Che si tratti di avvenenti modelle o incantevoli paesaggi, di ammalianti ritratti o coloratissimi selfie, il software è diventato sinonimo di «tarocco» (da Belen a Rachel Aniston, dive “ritoccate”) anche quando in realtà non c’entra affatto. A dimostrarlo ci sono una marea di immagini: grazie a prospettive estreme, luci fuori dall’ordinario e tempismo perfetto, anche la realtà talvolta regala magie che sembrano illusioni…

Un braccio estensibile che, con un semplice clic, è in grado di fotografare Roma a Tel Aviv. E’ Selfienator, un'asta allungabile che permette di scattare selfies e girare self videos con prospettive incredibili ed innovative. Ad importare l’occhio allungabile in Italia avviandone un business redditizio è il giovane startupper romano Ilan Misano, 18 anni.

Un braccio estensibile che, con un semplice clic, è in grado di fotografare Roma a Tel Aviv. E’ Selfienator, un'asta allungabile che permette di scattare selfies e girare self videos con prospettive incredibili ed innovative. Ad importare l’occhio allungabile in Italia avviandone un business redditizio è il giovane startupper romano Ilan Misano, 18 anni.

Pinterest
Search